lunedì 29 giugno 2015

L'animazione al potere. Intervista a Paolo Gaudio, regista e sceneggiatore di "Fantasticherie di un passeggiatore solitario"

Girato al contempo in live action e attraverso tre diverse tecniche di stop motion, Fantasticherie di un passeggiatore solitario uscirà nelle sale italiane nei prossimi mesi dopo aver riscosso un notevole successo in numerosi festival internazionali dedicati al cinema di genere.


Ispirato dalla passione per i libri incompiuti nata ai tempi degli studi universitari di filosofia, il regista e sceneggiatore calabrese Paolo Gaudio ha realizzato un’opera prima affascinante e molto ambiziosa che intreccia tre differenti storie. Fantasticherie di un passeggiatore solitario narra le vicende del romanziere Renou, intento a scrivere nella seconda metà dell’Ottocento un’opera che, per quanto destinata a non vedere una conclusione, giunge misteriosamente tra le mani del giovane Theo, un bizzarro e introverso studente di letteratura dei giorni nostri. Le dimensioni del passato e del presente sono collegate dalla suggestiva rappresentazione in animazione a passo uno delle vicende del romanzo che Renou sta scrivendo e Theo sta leggendo.

giovedì 25 giugno 2015

"Vizio di forma" di Paul Thomas Anderson da oggi in DVD e Blu-ray: guarda il backstage inedito "Chryskylodon Blues"


Dopo un'assenza di un mese in cui mi sono dedicato alla preparazione della discussione della tesi di dottorato in studi filmici e a una discreta dose di relax, non poteva davvero esserci occasione migliore per tornare a scrivere su Cinemagnolie: oggi infatti, a poco meno di due mesi dall'uscita americana, Vizio di forma è disponibile in DVD e Blu-ray anche in Italia. A coloro che non hanno ancora avuto modo di vedere il capolavoro di Paul Thomas Anderson, consiglio vivamente di cogliere l'occasione al volo e di recuperarlo.

domenica 24 maggio 2015

Tutti i premi del Festival di Cannes 2015: la Palma d'oro va a "Deephan" di Jacques Audiard; "Son of Saul" di László Nemes vince il Gran premio della Giuria; niente da fare per Sorrentino, Moretti e Garrone


Sono stati appena annunciati i premi della 68a edizione del Festival di Cannes. La giuria presieduta da Joel ed Ethan Coen ha assegnato a sorpresa la Palma d'oro a Deephan di Jacques Audiard. Il Gran premio della Giuria è andato all'ottimo esordio dietro la macchina da presa di László Nemes, Son of Saul, mentre il discusso The Lobster di Yorgos Lanthimos si è aggiudicato il Premio della Giuria. Il taiwanese Hou Hsiao-hsien di The Assassins ha invece vinto il premio per la migliore regia. Ignorati dunque tutti e tre i film italiani, compreso l'apprezzato Mia madre di Nanni Moretti e il notevole Youth - La giovinezza di Paolo Sorrentino, che nonostante la straordinaria prova del protagonista Michael Caine non è riuscito a portarsi a casa nemmeno il premio per il miglior attore, andato al francese Vincent Lindon per La loi du marché.

Festival di Cannes 2015: i premi delle sezioni collaterali. L'islandese "Hrútar" trionfa meritatamente a Un Certain Regard; "Varicella" dell'italiano Fulvio Risuleo è il miglior corto alla Semaine de la Critique


In attesa di conoscere i premi principali della 68a edizione del Festival di Cannes che verranno annunciati fra circa un'ora (secondo le ultime indiscrezioni Sorrentino, Moretti e Garrone sarebbero tutti e tre a sorpresa fuori dai giochi), ieri e l'altro ieri sono stati attribuiti i riconoscimenti delle sezioni collaterali Semaine de la Critique, Quinzaine des Rélaisateurs e Un Certain Regard. Qui di seguito potete leggere tutti i premi assegnati, tra i quali c'è anche quello per il miglior cortometraggio della Semaine andato a Varicella del talentuoso ventiquattrenne regista italiano Fulvio Risuleo.

lunedì 11 maggio 2015

United We Stand. Intervista all'attore Alessandro D'Ambrosi sul suo cortometraggio d'esordio "Nostos", diretto insieme a Santa De Santis

Nonostante la giovane età, Alessandro D’Ambrosi si divide ormai da un decennio tra televisione, cinema, teatro, serie web e pubblicità. Nella nostra chiacchierata, ci svela la sua ricetta per provare ad andare avanti nel mondo dello spettacolo: unirsi in gruppo e condividere i propri progetti.


Noto al grande pubblico televisivo per essere dal 2009 il volto del dottor Davide Orsini di Un medico in famiglia, il ventinovenne romano Alessandro D’Ambrosi ha iniziato a lavorare molto presto, appena finito il liceo, con la conduzione per tre stagioni consecutive del programma per bambini di RaiSat Ragazzi “Giga”. Dopo aver frequentato diversi seminari e workshop intensivi di recitazione, laboratori teatrali di scrittura e analisi del testo, negli anni ha lavorato come attore, sceneggiatore, regista, autore. E oggi anche come insegnante di un corso di filmmaking per i liceali dell’Istituto Massimo di Roma. Nel 2007 ha fondato insieme a Santa De Santis l’associazione “Ali di Sale”, attraverso la quale produce alcuni dei suoi numerosi progetti. Ed è in questo contesto che è nato Nostos (2012), dramma onirico ed evocativo ambientato nella seconda guerra mondiale all’indomani dell'8 settembre del 1943

giovedì 30 aprile 2015

Festival di Cannes 2015: il documentario "Ice and the Sky" di Luc Jacquet sarà il film di chiusura della 68a edizione


Se negli scorsi giorni sono stati ufficializzati i nomi dei giurati che assegneranno la prestigiosa Palma d'Oro (oltre ai Presidenti Joel e Ethan Coen, ci sono i registi Xavier Dolan e Guillermo Del Toro, le attrici Sophie Marceau, Sienna Miller, Rossy de Palma, l'attore Jake Gyllenhaal e la compositrice e cantautrice Rokia Traoré) e gli ultimi due film in concorso che vanno a completare la principale sezione competitiva (Chronic di Michel Franco e Valley of Love di Guillaume Nicloux), oggi è stato annunciato il film di chiusura della 68a edizione del Festival di Cannes: si tratta di Ice and the Sky di Luc Jacquet.

giovedì 16 aprile 2015

Festival di Cannes 2015: ufficializzato il programma della 68a edizione. Garrone, Sorrentino e Moretti in corsa per la Palma d'oro


Torno a pubblicare sul blog dopo alcune settimane in cui ho dovuto dedicarmi esclusivamente alla tesi di dottorato e l'occasione è di quelle importanti: da poche ore, infatti, è stato annunciato il programma ufficiale della 68a edizione del Festival di Cannes. Quest'anno, come d'altronde anticipato dalle previsioni che circolavano da tempo, sono addirittura tre i film italiani in concorso: Mia madre di Nanni Moretti, nelle sale da oggi, Youth - La giovinezza di Paolo Sorrentino e Il racconto dei racconti di Matteo Garrone. Tutti e tre i registi, probabilmente i più amati in assoluto all'estero tra i nostri cineasti in attività, hanno già vinto dei premi al Festival di Cannes. Nanni Moretti si è aggiudicato la Palma d'oro con La stanza del figlio nel 2001 e il premio per la miglior regia con Caro diario nel 1994, Matteo Garrone ha vinto due Gran Premi della Giuria nel 2008 e nel 2014, rispettivamente con Gomorra e Reality, e Paolo Sorrentino si è aggiudicato nel 2008 il Premio della Giuria con Il divo

martedì 24 marzo 2015

Festival di Cannes 2015: presentata ieri la locandina ufficiale della 68a edizione dedicata a Ingrid Bergman


Nonostante mi sia giunta la comunicazione ufficiale nel pomeriggio di ieri, purtroppo non ho avuto modo di pubblicare prima la notizia: all'incirca 24 ore fa è stata diffusa online la locandina ufficiale della 68a edizione del Festival di Cannes, che si svolgerà dal 13 al 24 maggio prossimi.
Dopo l'omaggio dello scorso anno a Marcello Mastroianni, dunque, per questo 2015 si è scelto di optare per la grande attrice svedese Ingrid Bergman, molto nota per le sue collaborazioni con Alfred Hitchcock (Io ti salverò, 1945; Notorius, 1946; Il peccato di Lady Considine, 1949) e il marito Roberto Rossellini (Stromboli, 1950; Europa '51, 1952; l'episodio di Siamo donne, in cui è protagonista nei panni di se stessa, 1953; Viaggio in Italia, 1953; La paura, 1954; Giovanna d'Arco al rogo, 1954), oltre che per la presenza in Casablanca (1942) di Michael Curtiz al fianco di Humphrey Bogart.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...