lunedì 23 maggio 2016

Festival di Cannes 2016: la classifica dei migliori 15 film della 69a edizione


Alla vigilia delle premiazioni in pochi si sarebbero aspettati un'esclusione dal palmarès di Toni Erdmann, il grande favorito per la Palma d'oro della critica internazionale apparso ai miei occhi come l'unico film che avesse con evidenza una marcia in più rispetto agli altri, in termini di originalità e inventiva. 
Al di là dell'inspiegabile scelta da parte della giuria di ignorare l'opera tedesca di Maren Ade, comunque, il Festival di Cannes di quest'anno ha offerto una sezione competitiva non particolarmente esaltante ma con alcuni film ottimi (la Palma d'Oro I, Daniel Blake di Ken Loach Paterson di Jim Jarmusch), molto buoni (Graduation di Christian Mungiu e It's Only the End of the World di Xavier Dolan) o per diversi motivi interessanti anche se non completamente riusciti (Aquarius di Kleber Mendonça FilhoThe Handmaiden di Park Chan-wook, Sieranevada di Cristi PuiuJulieta di Pedro AlmodovarAmerican Honey di Andrea Arnold, Loving di Jeff Nichols).

domenica 22 maggio 2016

Tutti i premi del Festival di Cannes 2016: la Palma d'oro va a "I, Daniel Blake" di Ken Loach; "It's Only the End of the World" di Xavier Dolan vince il Gran premio della Giuria


Sono stati appena annunciati i premi della 69a edizione del Festival di Cannes. La giuria presieduta da George Miller ha assegnato la Palma d'oro a I, Daniel Blake di Ken Loach, ottimo film assai simile per tema e approccio a diverse opere precedenti del regista britannico. Piuttosto incredibilmente è stata del tutto ignorata l'opera più inventiva e sorprendente del Concorso, oltre che la favorita dalla critica internazionale: Toni Erdmann della tedesca Maren Ade. Rimasto a bocca asciutta anche il malinconico e suggestivo Paterson di Jim Jarmusch, mentre Xavier Dolan si è portato a casa il Gran Premio della Giuria per It's Only the End of the World e Andrea Arnold si è aggiudicata il Premio della Giuria per American Honey.

martedì 10 maggio 2016

"Daydreaming", il nuovo video dei Radiohead diretto da Paul Thomas Anderson


Un mese fa qui su Cinemagnolie vi avevo anticipato che Paul Thomas Anderson stava lavorando in gran segreto a un video per i Radiohead, notizia confermata ufficialmente solo con la diffusione online nel pomeriggio italiano di venerdì del meraviglioso Daydreaming, secondo singolo tratto dal nuovo album della band britannica A Moon Shaped Pool
Il video che potete guardare qui sotto è di notevole bellezza e accompagna mirabilmente il tono onirico, malinconico e disilluso della canzone, una dolente ballata intimistica sull'impossibilità dei sognatori di incidere sulle cose del nostro mondo e, di conseguenza, di adattarsi davvero ad esso. Assai suggestivo e stratificato, il lavoro diretto da Paul Thomas Anderson si presta inoltre a diverse interpretazioni simboliche e metaforiche.

venerdì 6 maggio 2016

Festival di Cannes 2016: 15 trailer di alcuni dei film più attesi che vedremo sulla Croisette


Ormai manca davvero poco alla partenza per Cannes, dove tra l'11 e il 22 maggio si svolgerà la 69a edizione del festival cinematografico più importante e prestigioso del mondo. Per iniziare a entrare nel mood, oltre a dare un'occhiata al programma delle proiezioni diffuso ieri, ho cercato online i trailer disponibili tra i film in concorso e fuori concorso, più quelli italiani.
Qui sotto quindi vi propongo un'abbuffata di 15 trailer, uno dietro l'altro, tra cui troverete quelli dei nuovi film di Woody Allen, Steven SpielbergPedro Almodovar, Nicolas Winding Refn, Cristian MungiuPark Chan-wook, Paul Verhoeven e dei nostri Paolo Virzì, Stefano Mordini e Claudio Giovannesi.

martedì 26 aprile 2016

Festival di Cannes 2016: Svelati i nomi dei giurati che assegneranno la Palma d'oro


Nel tardo pomeriggio di ieri il Festival di Cannes ha ufficializzato i nomi degli otto giurati che, insieme al già annunciato Presidente George Miller, avranno il compito di decretare i vincitori tra i film in concorso della 69a edizione della kermesse ormai alle porte (11-22 maggio). 
Si tratta di cinque attori, due registi e un produttore: la folta schiera degli interpreti è composta da Kirsten DunstDonald Sutherland, Valeria Golino (che nel 2013 ha esordito dietro la macchina da presa con Miele), Mads Mikkelsen e Vanessa Paradis, la coppia di cineasti è formata da Arnaud Desplechin e László Nemes (vincitore lo scorso anno del Gran premio della giuria con l'ottimo Il figlio di Saul, nonché dell'Oscar 2016 per il miglior film straniero), mentre l'unico produttore è l'iraniana Katayoon Shahabi.

martedì 19 aprile 2016

Il cinema di genere risorge e combatte. Intervista a Gabriele Mainetti, il regista di "Lo chiamavano Jeeg Robot"

Il trentanovenne romano Gabriele Mainetti ha esordito nel lungometraggio con un film bizzarro e originale, capace di intrattenere fondendo felicemente generi e toni. E ha sorpreso un po’ tutti.


In Italia il cinema di genere e d’intrattenimento è il più delle volte sinonimo di commedie nazional-popolari che, più o meno riuscite a seconda dei casi, sono troppo spesso molto simili tra loro. In questo contesto, dopo il fortunato caso del 2014 di Smetto quando voglio (qui trovate la mia intervista a Sydney Sibilia per il numero 6 di Fabrique du cinéma), Lo chiamavano Jeeg Robot rappresenta un altro importante elemento di discontinuità. Al suo primo lavoro dietro la macchina da presa, infatti, Gabriele Mainetti ha realizzato un film di supereroi molto sui generis ambientato in una Tor Bella Monaca dominata dalla malavita. L’operazione è coraggiosa e risulta strettamente legata alla poetica portata avanti dal regista sin dai pluripremiati cortometraggi Basette (2006) e Tiger Boy (2012).

lunedì 18 aprile 2016

David di Donatello 2016: "Perfetti sconosciuti" di Paolo Genovese è il miglior film, la migliore regia va a Matteo Garrone; pioggia di premi per "Lo chiamavano Jeeg Robot" e "Il racconto dei racconti"


Si è appena conclusa la cerimonia di premiazione della 60a edizione dei David di Donatello, per la prima volta prodotta da Sky (e la differenza rispetto al passato si è vista ad ogni livello). La stragrande maggioranza dei premi se la sono spartita Lo chiamavano Jeeg Robot e Il racconto dei racconti - Tale of Tales, mentre a sorpresa il premio per il miglior film è andato all'ottimo Perfetti sconosciuti.
Qui sotto potete leggere l'elenco dei vincitori, in quella che è stata senza dubbio una delle migliori edizioni dei David degli ultimi anni in quanto a qualità dei film nominati.

giovedì 14 aprile 2016

Festival di Cannes 2016: il programma ufficiale della 69a edizione. Nessun film italiano in concorso.


Durante la conferenza stampa presieduta dal Presidente Pierre Lescure e dal direttore artistico Thierry Frémaux, è stato appena ufficializzato il programma della 69a edizione del festival di Cannes (11-22 maggio). La grandissima parte dei film in concorso era stata anticipata nelle scorse settimane, mentre sorprende l'assenza dell'Italia, rappresentata  invece nella sezione "Un Certain Regard" da Pericle il nero di Stefano Mordini.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...